ACQUA-ESPOSIZIONE-PACCIAMATURA

RINVASO: UN RIPASSO

- Vaso+terriccio: si riempie fin quasi all’orlo, lasciando qualche centimetro tra terriccio e bordo del contenitore.

- Si crea con la mano una piccola cavità al centro, capiente abbastanza da contenere la pianta con tutto il suo apparato radicale.

- Si estrae la pianta da dove sta (semenzaio, vasetto etc) facendo molta attenzione a rovinare il meno possibile il panetto di terra che circonda le radici, e le radici stesse.

- Si pone nella cavità creata nel vaso più grande e si chiude, facendo in modo che la terra tenga ben ferma la pianta. Magari usare un piccolo supporto per sostenerla, ora che le radici non sono ancora ben ancorate al nuovo terriccio.

- Bagnare delicatamente per non smuovere la terra.

- Non esporre direttamente alla luce del sole troppo forte (anche se non sembra sia questo il problema, vista la stagione!) perché in questa fase le piantine risentono molto qualsiasi tipo di stress.

 

QUALCHE REGOLA GENERALE:

VASI Qualsiasi vaso usiate, sia terracotta, plastica, tessuto, legno o altro, dovrà avere dimensioni sufficienti per le necessità della pianta. 30 cm di diametro per permettere alla vegetazione di svilupparsi agevolmente, 30 cm di profondità per dare spazio all’apparato radicale. Meglio sarebbe usare un vaso per ogni pianta, ma se usate cassoni o contenitori più grandi, cercate di rispettare queste misure. Attenzione, tutti i contenitori devono avere un foro di scolo dell’acqua, per evitare i ristagni, e meglio sarebbe mettere un sottovaso per raccogliere l’acqua in eccesso.

TERRICCIO Normale terriccio da orto, già ricco delle sostanze nutritive che servono ai primi giorni di permanenza della pianta. Poco alla volta queste sostanze si esauriranno, e sarà necessario fertilizzare con composti organici.

ACQUA Le piante vanno bagnate ogni giorno, a meno che il terriccio sia molto umido, magari perché ha preso pioggia. Si innaffia il mattino presto o la sera, quando il sole sta calando, altrimenti le piante si lesseranno!

ESPOSIZIONE Le piante hanno bisogno di luce, questo è certo, ma attenzione perché in vaso l’evaporazione è più intensa quindi potrebbero soffrire di un’esposizione al sole troppo forte. Se vedete che a un certo punto del giorno le vostre piante si afflosciano, significa che, o non avete dato abbastanza acqua, o c’è bisogno di proteggere in qualche modo le piante dalla luce troppo diretta del sole. Potete usare delle tendine o cambiare posizione ai vasi, se possibile.

PACCIAMATURA E’ una pratica molto utile per limitare l’evaporazione e quindi il dissecamento del terriccio. Si usa del materiale, paglia, carta, sassi per esempio, per coprire la superficie esposta del terriccio. In questo modo l’umidità viene trattenuta a vantaggio della pianta. I più esperti si possono cimentare in una pacciamatura verde, che consiste nel seminare una vegetazione molto bassa, come ad esempio un trifoglio nano, alla base della pianta: questa ricoprirà il terreno e lo proteggerà dai raggi del sole. Inoltre, renderà il vaso più bello rispetto a quelli con il terriccio nudo!